Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Elezioni e partecipazione on-line

Sto seguendo per la prima volta le elezioni via web mentre per anni a quest’ora ero al "Circolino", la sede del PCI prima, dei DS poi e ora del PD qui a Desenzano.

Dalla lettura attraverso la rete, confrontando le pagine dei giornali, la diretta web dalla SWG, gli aggiornamenti via Twitter, sto verificando un cambiamento sostanziale nel modo in cui l’informazione e quindi la mia opinione si viene formando e mi sembra un elemento estremamente positivo: più articolato, più critico, più umanizzato.

Non credo si possano ancora dare giudizi di merito ma mi pare stiano prevalendo due segnali forti di un’Italia che votando "protesta" e un’Italia che votando vuole comunque scegliere un possibile modo di affrontare il cambiamento. Tutto quello che "sta in mezzo" o che sta a margine, sembra non convincere gli elettori.

Mi sembra anche che il successo, per ora, del PD sia simile a quello di Forza Italia della prima ora, in cui è la "novità" più che la promessa di questa o quella realizzazione a catturare l’elettorato e che la campagna elettorale (sentivo il prof. Galli alla radio) se ben condotta è in grado di spostare in modo significativo il plotone degli indecisi.

Adesso farò un salto al seggio della mia frazione per vedere i numeri veri e sapendo che Desenzano in genere è lo specchio quasi identico dei voti nazionali, potrò farmi un’opinione ancora più precisa.